Essere coinvolto in una conversazione cruciale

Essere coinvolto in una conversazione cruciale

Essere la persona che avvia una conversazione cruciale può portare a numerosi benefici. Tuttavia, affrontare una conversazione di questo tipo senza averla avviata può essere più impegnativo, specialmente quando si devono gestire critiche o questioni sollevate dall'altra parte. In tali circostanze, come possiamo essere altrettanto efficaci?
Nel ruolo di destinatari di una conversazione cruciale, possiamo applicare gli stessi principi fondamentali che utilizziamo quando siamo noi a iniziare la conversazione, ma con una prospettiva leggermente diversa.

1. Non aspettarti che l’altra persona gestisca la conversazione usando le Crucial Skills in modo perfetto

Chi conosce ed è abituato a applicare correttamente le Crucial Skills nelle proprie conversazioni cruciali potrebbe essere tentato di aspettarsi lo stesso livello di competenza dagli altri, sperando che anch'essi costruiscano sicurezza e condividano i fatti in modo efficace.
Tuttavia, anche se facciamo del nostro meglio per ascoltare il loro messaggio, il quale può essere difficile da accettare, non possiamo pretendere che lo esprimano sempre nel modo giusto.
Quando l’altra persona commette un errore e si esprime in modo scortese, offensivo o irrispettoso, è facile per noi creare una narrazione negativa sulla sua persona: la consideriamo rude, offensiva e irrispettosa. Anche se la storia che ci raccontiamo può sembrare logica, in realtà non ci aiuta in quel momento. Al contrario, ci mette sulla difensiva.

Pensa a come reagiresti di fronte a qualcuno che dice qualcosa di scortese, offensivo e irrispettoso, se la storia che ti racconti fosse: “Wow! Questa persona ha un messaggio difficile da condividere e non ha davvero idea di come farlo. Potrebbe aver bisogno di fare un po’ di pratica.”
Quando smettiamo di aspettarci che le persone condividano perfettamente il loro intento, vediamo nei loro messaggi una mancanza di abilità piuttosto che una mancanza di intenzione.
Questa prospettiva ridimensiona il nostro atteggiamento difensivo perché all’improvviso non si tratta più di noi, ma piuttosto delle capacità comunicative dell’altra persona.

2. Prenditi del tempo per prepararti e per rispondere

Per alcuni, avviare una conversazione cruciale potrebbe risultare più agevole perché c'è stato il tempo di prepararsi, riflettendo non solo su cosa si vuole comunicare, ma anche sul perché lo si vuole fare – assicurandosi che l'intento sia positivo – e su come esprimerlo.
Tuttavia, quando si è coinvolti in una conversazione senza preavviso, non si ha il vantaggio del tempo, a meno di chiederlo esplicitamente. È sempre possibile richiedere una pausa durante una conversazione. A volte ciò può essere semplice: “Vedo che questo argomento è molto importante per te e lo è anche per me. Tuttavia, non mi trovo in un buon momento per affrontare questa conversazione. Possiamo rimandarla a domani?”.

A volte, il tempo è un lusso che non possiamo permetterci. Dopotutto, è probabile che l'altra persona abbia meditato a lungo sulla questione, raccogliendo il coraggio di parlarne ora o mai più! L'interlocutore ha un messaggio da trasmettere e desidera farlo. Ma come puoi chiedere una pausa quando l'altra persona sembra non sentire la necessità di farlo?

La chiave è distinguere tra ascoltare e pensare rispetto ad ascoltare e rispondere. Potresti non avere l'opportunità di prepararti all'ascolto, ma puoi prenderti un momento prima di rispondere.
Ad esempio: “Riconosco quanto sia importante per te questo argomento e voglio davvero ascoltare quello che hai da dire. Vorrei però prendere un momento per riflettere attentamente prima di risponderti, in modo da poter considerare bene le tue parole. Quindi, mi piacerebbe ascoltare attentamente ciò che hai da dire e poi, domani, ritornare da te con le mie considerazioni”.
Difficile a questo punto che l’altro pretenda una risposta immediata.

3. Chiarisci il tuo intento nel ricevere il messaggio

Nel corso Crucial Conversations® for Mastering Dialogue insegniamo che la sicurezza è strettamente legata alle intenzioni. Se ti senti sulla difensiva, è probabile che percepisci le intenzioni degli altri in modo negativo: “Sta cercando di criticarmi”.
Quando sei sulla difensiva, è essenziale fare un passo indietro e ristabilire la sicurezza sfidando la tua stessa percezione delle intenzioni altrui.
Puoi farlo in privato, riflettendo sulla migliore interpretazione possibile delle loro intenzioni. Oppure, puoi farlo in modo esplicito, comunicando apertamente: “Mi sento sulla difensiva perché sembra che tu stia insinuando che io non sia un buon genitore. Anche se non credo che sia così, questa è la sensazione che mi dà. Potresti aiutarmi a capire qual è il tuo vero intento nel sollevare questa questione?”.

In questo modo, apri la porta a una comprensione reciproca e all'esplorazione delle intenzioni dell'altro, contribuendo a ristabilire la sicurezza nella conversazione. Puoi anche stemperare il tuo atteggiamento difensivo spiegando le tue intenzioni, indipendentemente da quelle dell'altra persona: perché desideri ascoltare il suo messaggio? Qual è il tuo obiettivo nella conversazione cruciale?
Anche se le persone con cui ti confronti sono meno esperte nel gestire conversazioni cruciali, è importante riconoscere che hanno comunque feedback significativi da condividere. Indipendentemente dal modo in cui comunicano il loro messaggio, cerca di trovare la verità in ciò che dicono e cosa puoi utilizzare per migliorare. Avere questo come obiettivo dell'ascolto genera una notevole sicurezza.

Essere il destinatario di una conversazione cruciale non è facile e non è comodo. Siamo vulnerabili e impreparati per la maggior parte del tempo. Ma se siamo sicuri del nostro intento, quello di ascoltare gli altri e comprendere la loro prospettiva, e se rivendichiamo per noi stessi il tempo necessario per elaborare il loro messaggio, possiamo effettivamente ascoltare ciò che gli altri hanno da dire.

Fonte: Emily Gregory, How to Be on the Receiving End of a Crucial Conversation >

Quando saper dialogare fa la differenza

Un metodo per padroneggiare le conversazioni ad alto impatto emotivo e sviluppare le competenze che trasformano il disaccordo in dialogo, e migliorano relazioni e risultati. 

Scopri il corso >