Bridge Monthly Post #1

Suoniamo una musica diversa

Management  

Suoniamo una musica diversa: Human2Human.
3 ' di lettura

Suoniamo una musica diversa: Human 2 Human.

Human 2 Human: questo è il paradigma che svilupperemo nel corso del 2018.
Intanto suoniamo una musica diversa: a partire da gennaio 2018 non più una newsletter settimanale ma mensile.

Tutta la nostra comunicazione sarà all’insegna del recupero di una dimensione umana delle relazioni tra le persone.
Di fatto l’unica possibile, ma oggi divorata, triturata, vilipesa.

In ogni nostro messaggio troverete un senso di Umanità per rilanciare il dialogo, unico viatico di conoscenza e vettore di comunanza. Dialogo che sta alla base del negoziare e del comunicare con efficacia nella dimensione lavorativa e personale. Per vivere, tutti, meglio.

Lo spunto è offerto dalle cronache degli ultimi mesi, ma vorremmo dire di sempre. Di un’apparente contrapposizione tra i generi, di statistiche che stilano lunghe liste di primati al contrario per le donne, di quote “colorate” di rosa e, ultime ma non per importanza, di violenze subite mascherate d’amore.

Iniziamo dai due protagonisti dell’Umanità: donne e uomini, protagonisti di quell’Essere Umano che, a partire dall’integrazione, genera vita, crea, attraversa luoghi ed emozioni e trasforma giorno dopo giorno, istante dopo istante, l’ordinario in straordinario.

Human 2 Human, woman to man

Non ci interessano le differenze di genere, i pregiudizi e gli stereotipi. Non ci interessa ciò che divide. Non ci interessa sottolineare la contrapposizione femmina-maschio.
Ci piace l’idea di Madre Teresa di Calcutta quando dice “non andrò mai a una manifestazione contro la guerra, ma se ne farete una a favore della pace, io verrò”. Non saremo mai dalla parte di quelli che lottano contro qualcosa, ma saremo dalla parte di quelli che lottano per qualcosa.

Parole e gesti che creano unione

Se differenze ci sono tra donna e uomo, queste non sono che un’opportunità.
Osservando il mondo degli oggetti che ci circondano vediamo colori e forme integrarsi perfettamente, differenze fondersi così tanto da non distinguersi più, seppure nella propria peculiarità.
Pensiamo al pianoforte: come suonerebbe con tasti tutti bianchi o tutti neri?
Il paradigma della diversità che integra, nel senso letterale del termine “integro”, cioè intero e completo, vale anche per il genere umano.

Integro –> intero –>completo

Nella storia questa tesi trova conferma nelle biografie di personaggi come Marie Curie e il marito Pierre, Santa Chiara e San Francesco. I coniugi Curie ricevettero il Nobel per la Fisica nel 1903 per la scoperta sulla radioattività.
Chiara e Francesco iniziano un prorompente rinnovamento nella Chiesa. Personalità e doti diverse unite da importanti e comuni obiettivi.

Tanti altri nomi e volti nel mondo della cultura, dello spettacolo e del lavoro, ma soprattutto tante storie anonime, ma non meno importanti, ci ricordano di donne e uomini che hanno mescolato peculiarità, conoscenze e caratteri differenti per forgiare vite e imprese di valore.

Alteritá = valore

Il mondo del lavoro, aprendosi al valore della diversità femminile e maschile, deve dare spazio all’alterità e favorire la creazione di contesti dove non ci sia più bisogno di superiorità, ma di rispetto reciproco, fondato sulla conoscenza, sul dialogo e sull’ascolto.

Oltre la siepe della diversità per esplorarne le opportunità.

Ti aspettiamo al VII Edizione del nostro Evento Corporate La Banalità del Coraggio.

Condividi