Bridge Monthly Post #11

Della Parola bisogna avere cura

Management  

La cura della Parola
2 ' di lettura

La Parola: dall’assenza all’abuso. Svelato il tema dell’Evento Corporate 2019.

“Non c’è nulla di più nobile che riuscire a catturare l’attenzione delle persone con la parola”.
Cicerone

Sembrano parole di oggi. Catturare l’attenzione è la sfida quotidiana di ogni azienda, di ogni team e di ciascun professionista.
Eppure risalgono al I secolo a.C.
E noi siamo ancora qui a domandarci come fare a restare impressi, colpire mente e cuore dei nostri interlocutori, tanto da indurli a scegliere noi invece di altri, preferire i nostri prodotti e servizi a quelli di altri.

Per Cicerone esprimersi efficacemente, selezionare con consapevolezza argomenti e scegliere i giusti strumenti erano i requisiti per chiunque avesse voce e volesse farla sentire.

Nell’era dell’informazione resa pervasiva, accelerata, ridondante da tecnologia e nuovi media, la capacità di esprimersi in modo chiaro e insieme corretto è merce rara.
Velocità batte qualità. Opinionismo batte approfondimento. Rumore batte silenzio.

Ed è così che la ricerca, la misura e la cura della parola perdono la loro centralità.
Parole urlate di pancia diventano subito virali nel ventre della Rete. Onde d’urto che si propagano non si sa fin dove, ma che hanno responsabilità e peso tali da provocare danni.

Il nostro evento corporate annuale, ormai alla IX edizione, nel 2019 è dedicato alla Parola. Il 24 maggio rimettiamo la Cura della Parola al centro.

Faremo un viaggio di una mattinata, come sempre. Partirà dal silenzio, passerà attraverso l’uso fino alla manomissione della parola.
Ci metteremo tutti in gioco per superare paure e rivedere convinzioni.
Partendo da associazioni libere, frasi scomposte, ricordi, emozioni andremo a cercare le nostre vere parole, viatico di crescita personale e sviluppo cognitivo.

“Ci sono uomini che usano le parole all’unico scopo di nascondere i loro pensieri”.
Voltaire

Nel pomeriggio, per chi vorrà fermarsi, rifletteremo sulla nebbia che avvolge le nostre parole, a cominciare dai nostri scritti quotidiani: email, presentazioni, progetti… Siamo sicuri di essere chiari e scrivere in modo da essere letti, capiti e seguiti con semplicità? Ci sono strumenti per migliorare?
La risposta vi piacerà: sì! E chi vorrà, lo sperimenterà in un laboratorio con Alessandra Colonna per allenare gli strumenti di Writing Dynamics™.

I preparativi fervono. Se abbiamo catturato la vostra attenzione, continuate a seguirci perché presto ne saprete di più!

Condividi