Bridge Weekly Post #72

La trappola di fine anno

Management  

La trappola di fine anno.
2 ' di lettura

La trappola di fine anno: ci cadiamo per dirvi grazie!

Ebbene sì. Cadremo anche noi nella trappola, classica, di ogni fine anno.
Quale? Fare bilanci, progetti e auguri!

Iniziamo con i bilanci

Bilanci di un anno ricchissimo: fatiche tante, soddisfazioni di più.
Un team che cresce, nuove competenze che ci hanno aiutato a migliorare, e alcune battaglie, importanti, vinte.
I frutti, come sempre, ci auguriamo di condividerli con tutti voi nel nuovo anno.

Continuiamo con i progetti

Progetti: moltissimi, per noi linfa vitale del nostro lavoro e del nostro futuro.
Il 2018 ci porterà a guardare ai giovani, non sempre ben supportati all’inizio del proprio cammino professionale. A loro dedicheremo un nuovo percorso formativo. Al momento non sveliamo nulla di più!

La VII edizione del nostro evento corporate annuale il 18 maggio p.v. a Milano sarà dedicato al Coraggio e alla sua “banalità”. Ne daremo una lettura nuova e, crediamo, anche, originale.
A questo proposito, vi lanciamo una sfida: cos’è per voi il coraggio? Iniziate a pensarci.

E poi, gli auguri!

Auguri…e grazie: a chi ha creduto in noi, nel nostro lavoro e ci ha dato fiducia.
A chi ci ha soprattutto permesso di dimostrare che la meritiamo. Non è presunzione, ma è la nostra tensione morale. Chi lavora nei servizi, come si suol dire, offre qualcosa di dematerializzato, ma questo non vuol dire che non sia concreto e soprattutto utile.
Ecco, la nostra tensione, che non ci vergogniamo di definire morale, ci porta a voler essere utili e sapere che, anche grazie a noi, le persone possono crescere e migliorare le proprie competenze.

L’anno è ormai alle nostre spalle, veloce come sempre. Non resta che aprirne un altro con rinnovato ottimismo.
Ma per ora viviamo e godiamo del presente insieme alle persone a cui vogliamo bene.

Umano con Umano.

Condividi